Reggio Calabria
Get Adobe Flash player
Log In
Iscriviti alla Newsletter

* I campi sono obbligatori
Calendario
Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Meteo
23/07/2019, 22:10
Sereno
Sereno
27°C
Temperatura percepita: 28°C
Pressione: 1020 mb
Umidità: 69%
Vento: 14 km/h NNO
Raffiche di vento: 14 km/h
UV-Index: 0
Alba: 05:52
Tramonto: 20:15
Previsione 23/07/2019
Giorno
Prevalentemente Soleggiato
Prevalentemente Soleggiato
32°C
Vento: 22 km/h N
Raffiche di vento: 29 km/h
max. UV-Index: 8
Notte
Sereno
Sereno
24°C
Vento: 11 km/h N
Raffiche di vento: 22 km/h
max. UV-Index: 8
Previsione 24/07/2019
Giorno
Parzialmente Soleggiato con Temporali
Parzialmente Soleggiato con Temporali
33°C
Vento: 18 km/h N
Raffiche di vento: 25 km/h
max. UV-Index: 10
Notte
Sereno
Sereno
24°C
Vento: 11 km/h N
Raffiche di vento: 14 km/h
max. UV-Index: 10
 

Comunicati e Articoli

“Marzo per gli agnelli”, ultimo romanzo di Gangemi, verrà presentato all’Accademia del Tempo Libero

 

 

“Marzo per gli agnelli” il titolo della nuova opera di Mimmo Gangemi che verrà presentata all’Accademia del Tempo Libero, domani, giovedì 30 maggio, alle ore 18.  Sarà l’auditorium Zanotti Bianco, sede del sodalizio, ad ospitare lo scrittore di origini reggine per una interessante conversazione sul suo nuovo romanzo, edito da Piemme. Una nuova avvincente storia, quella narrata da Gangemi, autore di numerosi titoli di successo tra i quali “Il giudice meschino”, poi trasposto in serie tv, con Luca Zingaretti. L’incontro, introdotto da Maria Bambace Aldarese e Franca Brandolino Foti, sarà moderato da Celestina Catanoso, e sarà allietato dagli intermezzi musicali di Maurizio Bascià. Nel corso della conversazione sono previsti interventi e lettura di brani dell’opera di Gangemi.

Il Sindaco Falcomatà incontra l’Accademia

Roof -Garden, turisti tedeschi, acqua, spazzatura e tanto altro… un fiume di domande e un oceano di risposte da parte del Primo Cittadino di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ospite d’onore all’Accademia del Tempo Libero.

Un pomeriggio dedicato al Sindaco, quello dell’Accademia, anzi, sarebbe meglio dirededicato a tutti i cittadini ai quali Giuseppe Falcomatà si è rivolto in modo esclusivo ed esaustivo, snocciolando risposte, spiegando difficoltà, aggiornando su novità e opere, raccogliendo segnalazioni. Un brillante Sindaco che ascolta attentamente e, con parole semplici e massima onestà, apre il Comune ai reggini, nel bene e nel male. Non si nasconde dietro un dito Falcomatà, ma con la massima trasparenza spiega alla platea l’excursus, annesse difficoltà economiche più volte esplicitate, dal momento del suo insediamento ad oggi. 

La presidente Silvana Velonà, con il Vicepresidente Celeste Giovannini, accoglie e presenta Falcomatà; il  Presidente Onorario Pietro Morabito si fa portavoce di domande e istanze poste dal  direttivo dell’associazione, dai cittadini e soci intervenuti.

Non solo passato e presente ma anche futuro prossimo, già tangibile in tante opere già portate a termine, per cui questi 4 anni di amministrazione sono stati propedeutici, attraverso un attento lavoro di programmazione, definizione e ricerca di finanziamenti. Ciò che è emerso, da domande e risposte, è che la città sta cambiando il suo aspetto.  

In un simile incontro non si poteva non affrontare il tasto dolente della  differenziata che, non dimentichiamolo, è arrivata al 59 per cento. Un servizio importantissimo, quasi un lusso, un tempo un’utopia, che ha ottenuto un risultato (uno su tutti) importantissimo: il successo nella lotta all’evasione. Per un servizio finanziato interamente attraverso la contribuzione, risulta fondamentale, per l’abbassamento dei costi, far emergere gli evasori. E così è avvenuto, scoprendo sino ad oggi ben 10 mila “fantasmi”, che poi sono coloro che abbandonano i rifiuti in ogni angolo della nostra città, deturpandola e vanificando gli sforzi dell’amministrazione e dei cittadini, salvo poi puntare il dito contro l’Amministrazione. Ha poi spiegato tecnicamente i disservizi, Falcomatà, non dovuti al Comune né all’Avr ma alla chiusura parziale delle discariche di conferimento che non dipendono dall’Ente municipale.

Un grande progetto quello spiegato dal Primo Cittadino, che pian piano sta prendendo forma. Partito dalle periferie, con la bitumazione totale delle strade (Santa Caterina e zona sud),  procede con il restyling delle piazze di quartiere e culminerà con il rinnovo totale della città: dal Viale Europa e Viale Calabria, che cambieranno totalmente forma e diverranno più sicure, con rotatorie ed illuminazione di nuova generazione, a basso costo e a basso impatto ambientale, e con il rifacimento delle strade del centro cittadino, trascurate a causa dei vincoli della sovrintendenza sul basolato lavico, che ha sino ad oggi bloccato ogni intervento. E poi il Lido e l’Arena lido, che verranno restaurate, la messa a punto degli scarichi dei lidi prima inesistenti e già realizzati, che si spera facciano superare i divieti di balneazione sulle nostre splendide coste, in particolare quelle cittadine; i posteggi pubblici, 400, già realizzati al termine del lungomare lato nord per servire Piazza del Popolo e centro cittadino; Piazza Garibaldi che sta per concludere il suo calvario; Piazza Duomo che rivive in una nuova ed elegante veste, il Corso Garibaldi che ben presto sarà dotato di dissuasori antiterrorismo, nonché di arredo urbano. Parco Baden Pawell che diventerà un polmone verde per la città, ad uso e consumo di cittadini, bambini e anziani; aeroporto Minniti che, scongiurata la chiusura grazie alla Città Metropolitana che mensilmente ha versato risorse per consentire di superare il periodo della gestione provvisoria da parte del tribunale, conservando posti di lavoro, si rilancia grazie all’intervento del Sindaco, del Governatore calabrese e alla gestione unica regionale di De Felice. La carenza d’acqua, che da decenni affligge i reggini, ben presto non sarà più un problema perché verrà erogata dalla diga del Menta e potrà essere dedicata ad uso umano.

Non opere lontane ma già in corso di attuazione, secondo quanto affermato dal Sindaco, che vedranno la luce nei prossimi mesi e che insieme ad altri progetti faranno rinascere Reggio restituendole il suo antico rapporto col mare, creando attrazioni turistiche esclusive e non dozzinali che faranno rivivere ai visitatori e ai cittadini l’atmosfera di una città antica che affonda le sue radici una gloriosa ed affascinante tradizione da riscoprire e raccontare.

“Un lavoro quello dell’amministrazione che va condiviso con tutta la società civile – è l’appello di Falcomatà – lavorando, assieme, come un team, nella direzione della rinascita, contro chi non esita a sacrificare la città sul piano teorico e pratico, pur di riuscire a sgambettare e screditare il lavoro che con fatica, impegno e abnegazione stiamo tentando di portare avanti”.

 

 

L’Accademia del Tempo Libero lancia il contest di poesia dialettale

Un concorso per valorizzare e preservare le nostre tradizioni.

“Concorso Poesia del Dialetto Reggino della Città Metropolitana” è il contest lanciato dall’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria.

Una gara a colpi di vernacolo per riscoprire le nostre radici e valorizzarle, alla riscoperta della nostra antica cultura. Un modo per mettere in luce e dare libero sfogo alla vena artistica, poetica, in questo caso, che tanti reggini posseggono.

La proposta dell’Accademia è di tirare fuori dal cassetto poesie e liriche, e presentarle al concorso intitolato, in questa sua prima edizione, alla memoria del poeta e scrittore reggino Nicola Giunta, di cui quest’anno ricorre il cinquantesimo dalla morte.

Al termine del concorso verranno premiati i primi tre classificati, ad insindacabile giudizio della giuria, formata da personalità di cultura soci dell’Accademia.

Ogni poeta potrà partecipare con un massimo di tre liriche, inedite e mai premiate, che vanno consegnate presso la segreteria dell’Accademia, allo Zanotti Bianco.

Ogni poesia non dovrà superare i quaranta versi. 

La giuria assegnerà i premi fondando il suo giudizio sull’originalità ed il valore etico del contenuto, la genuinità del dialetto ed il valore poetico dell’ispirazione.

La partecipazione al concorso è completamente gratuita.

I candidati finalisti saranno avvisati della cerimonia di premiazione che si terrà il 17 gennaio 2019 presso la sede dell’Accademia. Il premio per il primo classificato è di 300 euro più la tessera associativa per l’anno 2019, il secondo classificato riceverà 200 euro e 100 euro il terzo.

Il regolamento completo e le modalità di partecipazione sono pubblicati sul sito dell’associazione www.accademiadeltempolibero.it

 

Accademia del Tempo Libero – Zanotti Bianco gremito per la ventesima Cerimonia di inaugurazione dell’anno sociale

Sulle note delle più famose colonne sonore del grande cinema si apre la ventesima stagione dell’Accademia del Libero di Reggio Calabria.

Cerimonia di inaugurazione che ha visto ampia partecipazione da parte di soci e cittadini che hanno gremito l’Auditorium Zanotti Bianco.

Le parole della Presidente Silvana Velonà hanno dato il via a questa nuova stagione sociale colma di eventi di spessore, quest’anno ulteriormente arricchita dalla collaborazione con Fondazione Febea, Archigramma e Musika Agorà. Dopo la presentazione del nutrito programma e i ringraziamenti al Presidente Onorario Pietro Morabito per il suo prezioso supporto e a tutto il direttivo per il considerevole lavoro che svolge nel corso dell’anno,  la Presidente Velonà ha dato la parola al Vicepresidente Celeste Giovannini, che nonostante i suoi impegni professionali, rappresenta una delle colonne portanti del sodalizio.

Presente per l’augurio di buon lavoro il Sindaco Giuseppe Falcomatà che ha posto l’accento sull’importanza dell’associazionismo: “Abbiamo bisogno del supporto delle associazioni, che ci affianchino nel lavoro di crescita culturale che l’Amministrazione ha intrapreso e che sta portando avanti con grande dedizione. L’Accademia rappresenta un tassello prezioso, come altre realtà del territorio, linfa vitale per la nostra crescita sociale. Crescita che passa, anche dal punto di vista economico, dalla promozione di tutta l’area metropolitana”. Ed ha accennato, Falcomatà, all’imminente arrivo in città dei 700 tour operator tedeschi che, a seguito di 15 sopralluoghi, hanno scelto la nostra terra, dopo Dubai, Canada, Portogallo, per la sessantottesima edizione del loro Meeting sul turismo.

E poi spazio alla musica, quella emozionante, legata ai film più belli della storia del cinema d’autore, magistralmente interpretata dalla Concert Band di Melicucco, diretta dal M° Maurizio Managò che ne ha curato anche gli arrangiamenti per renderla eseguibile anche dal flauto del Maestro Alessandro Carere, con un risultato strepitoso che ha meritato la standing ovation della platea.

Piovani, Rota, Morricone, Piazzolla, con una chicca finale, la Baarìa nella versione per le bande, donata dal Maetro Morricone alla Banda dell’Arma dei Carabinieri, ed eseguita in Accademia con grande emozione da parte del pubblico.

La torta finale, offerta a tutti i presenti, ha concluso dolcemente la bella serata.

Il programma di ottobre e i moduli per l’iscrizione sono on-line sul sito dell’Accademia www.accademiadeltempolibero.it

 

20 Anni per Accademia – Cerimonia Inaugurazione

                                                                                                                                                 (Foto Archivio)

Venti candeline per l’Accademia del Tempo Libero che sabato 6 ottobre, alle ore 18,  riparte, dopo la consueta pausa estiva, con una nuova entusiasmante stagione culturale, quest’anno ancora più ricca grazie ad alcune novità. Una vera e propria task force della cultura per dar vita ad un programma di eventi copiosi e variegati. Quattro associazioni Accademia, Fondazione Febea, Archigramma e Musika Agorà, uniscono le proprie forze per proporre alla città un programma d’alto livello fatto di incontri culturali, viaggi, musica, eventi, attività ricreative, concorsi, sport, medicina, convivialità.

E la riapertura, come sempre in grande stile, è stata affidata ad un concerto della Concert Band di Melicucco, diretta dal M° Maurizio Managò, e la partecipazione straordinaria del M° Alessandro Carere.

La serata sarà aperta all’intera città.

Dialetto patrimonio identitario

Il dialetto, importante elemento d’identità territoriale, antica testimonianza di vissuto collettivo, cultura locale, usi e costumi, memoria storica che giunge ai nostri giorni, ancora al centro delle iniziative dell’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria e della Fondazione Febea.

Un tassello identitario di non poco conto che merita attenta tutela è stato il punto focale di un incontro che si è tenuto presso l’Auditorium Zanotti Bianco, sede dell’associazione.

Una serata interessante, condotta dalla professoressa Mimma Gurnari, che ha visto la partecipazione del poeta Giuseppe Ginestra e del chitarrista Aurelio Mantica, che hanno, rispettivamente, recitato splendide poesie, e cantato muttette reggine. Presenti anche il Presidente del Consiglio Comunale, Demetrio Delfino, appassionato di vernacolo e grande scoperta dell’Accademia come poeta dialettale, e l’Assessore Comunale Lucia Nucera.

L’iniziativa che ha fatto da sfondo all’incontro è stata la pubblicazione del dizionario della lingua reggina, a cura di autore Salvatore Ventura, edito da Laruffa.

Il volume di Ventura fornisce validi spunti per conoscere e approfondire le caratteristiche della lingua della nostra città, attraverso oltre 7000 lessemi esaminati nell’aspetto fonetico, etimologico, significato letterale e traslato, nell’ambito d’uso, nelle variabili di zona, etc.

Una raccolta meticolosa, composta in un unicum fondamentale per conservare la lingua locale, peculiarità di questo popolo.

L’iniziativa dell’Accademia parte da un punto molto importante: il dialetto è stato discriminato per molto tempo da pregiudizi ma negli ultimi anni si è verificata un’inversione di tendenza, favorita anche dagli intellettuali, dai pedagogisti e dalla politica stessa tanto da portare all’istituzione, da un paio di anni, della giornata nazionale del dialetto.

Ciò che è scaturito è che un punto di contatto tra i delatori e i sostenitori esiste e sta nel dato incontrovertibile che dialetto e lingua nazionale hanno pari dignità: entrambi derivano dal latino anche se diverso è il loro punto di partenza e il loro percorso diacronico.

 

 

Concorso a premi per gli studenti: “Per una Reggio bella e civile”. Tante iniziative in partenza a febbraio

La Presidente Velonà

 

Tante le nuove iniziative che stanno per partire all’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria.

Non solo proposte nuove ma anche appuntamenti già collaudati, che hanno riscosso successo negli scorsi anni. Tra le novità, una in particolare, coinvolgerà il mondo studentesco reggino.

Ma partiamo dall’iniziativa che si ripropone a grande richiesta: il “Corso badanti” che ripartirà l’8 febbraio per offrire supporto a chi intraprende questa delicata attività, ma anche a chi già la svolge, per migliorare il servizio offerto nell’assistenza agli anziani: usare correttamente la lingua italiana di base (molti, infatti, sono stranieri e la lingua a volte può costituire un ostacolo); prendersi cura dell’ anziano; eseguire atti assistenziali, come un’iniezione, la rilevazione della pressione arteriosa e della glicemia, la somministrazione corretta dei farmaci; preparare i pasti agli orari e secondo le indicazioni ricevute; curare l’igiene dell’anziano e dell’ambiente domestico, e tanto altro.

Il 9 febbraio, poi, partirà una iniziativa nuova di zecca. Un ciclo di conversazioni sul diritto di famiglia, che potrà essere utile agli appassionati dell’argomento o a chi ha qualche problema legale inerente ai rapporti di famiglia. Gli incontri saranno condotti dal notaio Domenica Cortese e da Roberta Silvestro, docente presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, Università Mediterranea Reggio Calabria Tanti e interessanti i temi che verranno affrontati, come le differenti tipologie di unione, i diritti e i doveri dei coniugi e dei conviventi, diritti e doveri connessi alla genitorialità, rapporti di famiglia, rapporti patrimoniali, tutto ciò che concerne la crisi familiare e diritti ereditari dei coniugi. La partecipazione è aperta a tutti gratuitamente, è prevista solo una esigua quota di iscrizione quale contributo alle spese.

E passiamo all’iniziativa dedicata ai ragazzi.

L’Accademia, sempre sensibile alla crescita sociale e culturale della città, con questa proposta intende fare leva sui giovani, che rappresentano la speranza di rinascita della nostra terra, non solo dal punto di vista economico, ma anche morale e civile, affinché mettano in campo il loro entusiasmo e la loro creatività per accrescere, attraverso la comunicazione immediata, il senso di appartenenza alla Comunità, e consolidino il convincimento che la Reggio “bella e civile” si può realizzare solo con la collaborazione di tutti.

L’iniziativa è rivolta agli allievi delle ultime tre classi degli Istituti della scuola secondaria di secondo grado, con l’intento di sollecitarli a recuperare l’orgoglio di appartenenza alla comunità riconoscendo l’importanza delle proprie radici culturali; sollecitare la riflessione sul tema della legalità, della solidarietà, della condivisione, dell’educazione civica; assumere il rispetto delle regole come habitus mentale nella prassi del vivere quotidiano; tenere comportamenti responsabili nei confronti dell’ambiente e delle cose comuni.

Un modo per coinvolgerli nella crescita sociale e culturale della nostra bella città insomma. Al migliore prodotto classificato per ciascuna sezione del concorso (forma grafica – forma multimediale) verrà assegnato un premio in danaro pari a 500 euro; gli altri lavori ritenuti meritevoli verranno pubblicizzati nei modi idonei previo accordo con il referente scolastico.

Di seguito le locandine degli eventi:

 

Reggio Bella e Civile – Concorso a premi per le scuole

Scarica (DOCX, 91KB)

Conversazioni sul diritto di famiglia aperte alla città

Scarica (PDF, 677KB)

Corso per badanti – II edizione

Scarica (PDF, 619KB)

Il Rigoletto

 

Una bella serata sulle note di Verdi, il Rigoletto per la precisione, all’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria.

Chiude le feste l’opera verdiana che, in continuità con il successo riscosso lo scorso anno con La Traviata, riempie l’auditorium Zanotti Bianco.

Un’opera portata in scena in misura ridotta, adeguandosi agli spazi, dunque senza orchestra, ma con il quartetto d’archi Francesco Cilea, Alessandro Praticò Maestro concertatore al pianoforte e il coro Francesco Cilea. Una straordinaria regia quella del Maestro Mario De Carlo, già collaudata per lo Zanotti Bianco, e la direzione artistica di Serenella Fraschini, Presidente di Morgana Incanta, associazione organizzatrice insieme anche alla Fondazione Febea.

Un’opera che l’Accademia, nella persona della Presidente Silvana Velonà, ha voluto fortemente. Presidente sempre attenta ad offrire alla città momenti culturali d’alto livello che l’Accademia realizza, giova puntualizzarlo, con le sue proprie forze, senza aver mai chiesto, né ricevuto, alcuna sovvenzione pubblica, riuscendo a dar vita, nonostante ciò, a momenti artistici di grande interesse e di forte richiamo, arricchendo così l’offerta del territorio.

Grande la soddisfazione del Maestro De Carlo: “Una serata che ha risposto alle aspettative in continuità con lo scorso anno, per un appuntamento che rischia di divenire una vera e proprio tradizione per Morgana Incanta e per l’Accademia del Tempo Libero.

Un problema abbastanza grave, l’afonia del tenore, ha rischiato di mandare a monte tutto lo spettacolo, ma questa circostanza è stata prontamente trasformata in un originale espediente, talmente tanta era la volontà di offrire questa serata ai reggini che il regista e gli organizzatori vi hanno trovato originale rimedio. Una novità quasi assoluta, con pochi precedenti, come al Teatro alla Scala di Milano e al Metropolitan di New York. Il tenore titolare, Vladimir Reutov, è stato affiancato da un giovane e brillante tenore Francesco Fortes, della accademia del festival pucciniano di Torre del Lago, prestandogli la voce.

“Non dietro le quinte, non accanto al piano – spiega De Carlo – il secondo tenore è stato parte integrante della scena. Vestito in smoking e indossando 4 sciarpe, una per ogni cambio d’abito del titolare, dello stesso tessuto e colore, si è integrato brillantemente nella scena e nei duetti. Uno ha cantato l’altro, conoscendo la regia, ha realizzato l’azione”.

Orgogliosa Serenella Fraschini, come presidente di Morgana Incanta, di questo connubio con l’Accademia, che diviene occasione per offrire spettacoli d’alto livello, dando spazio e opportunità di crescita a giovani artisti. Felice, la Fraschini, soprattutto, di constatare come il Laboratorio Lirico di Alto Perfezionamento “Morgana Opera Academy”, nato 4 anni fa per condurre i giovani ad approfondire l’opera concretizzando, poi, i propri studi, stia producendo risultati sempre lusinghieri, seguiti e amati dal pubblico.

 

Natale all’Accademia – I grandi avvenimenti di Gennaio

Un mese di dicembre in pieno clima Natalizio per l’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria. Tante le iniziative che stanno caratterizzando il magico periodo prefestivo. “La simbologia del Natale e gli Zampognari” ha allietato la serata di sabato 9 dicembre, seguito da “Un natale in famiglia” a cura di Antonia Rigo Festini e Maurizio Bascià. Al termine della serata è stata sorteggiata una grotta natalizia artigianale per la realizzazione del Presepe.Tra le iniziative più significative del mese, da segnalare quella del 16 dicembre, alle ore 18. Il coro Francesco Cilea, diretto dal M° Bruno Tirottaeseguirà un concerto di canti natalizi. La calda atmosfera del Santo Natale sta, dunque, per riempire l’Auditorium Zanotti Bianco, come sempre pronto ad accogliere i numerosi soci che proprio in questi giorni stanno terminando di effettuare le iscrizioni per il nuovo anno.
E a proposito di nuovo anno, sono tante le iniziative già in cantiere, tra cui un ritorno a grande richiesta: il corso per badanti, che offrirà competenze importantissime a chi vuol prendersi cura degli anziani. Il corso si pone l’obiettivo di favorire una buona permanenza a domicilio delle persone non autosufficienti e di assicurare alle stesse più elevati livelli di qualità della vita, oltre ad aumentare le competenze e la professionalità di chi svolge questa attività, attraverso nozioni di lingua italiana, ma anche in tema sanitario.
Accanto ad iniziative già collaudate anche qualche novità: il corso per le unioni civili, per esempio.
Ma la vera ciliegina sulla torta sarà l’allestimento del Rigoletto.
Ancora per la regia di Mario De Carlo, dopo il successo dello scorso anno con la Traviata, si decide di replicare con l’allestimento di un’altra celebre opera di Giuseppe Verdi e libretto di Francesco Maria Piave. Anche quest’anno la direzione artistica è di Serenella Fraschini.
Maestro Concertatore al pianoforte Alessandro Praticò, quartetto d’archi Francesco Cilea e coro Francesco Cilea.
Data prevista per Rigoletto il 7 gennaio, per concludere le feste in grande stile.

 

 

Ripartono le attività dell’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria.

19esimo anno di attività e, come ogni nuova stagione, un bilancio sempre più ricco, fatto di incontri culturali, viaggi, serate musicali, convivialità, che vanno ad arricchire l’offerta culturale cittadina.

Consueta sala gremita per la prima serata dell’anno sociale 2017/2018 che parte con un concerto del Quartetto d’archi Francesco Cilea, “Musiche dal mondo… e nel tempo”.

Ad avviare la nuova entusiasmante stagione il discorso di apertura dellaPresidente del sodalizio, Silvana Velonà, che, sempre con un pizzico di emozione, ha salutato i soci e offerto qualche anticipazione sulle idee e le iniziative che verranno realizzate nel corso dell’anno con una formula ormai collaudata, ma anche qualche interessante novità.

Una prima importante anteprima, vista l’ampia adesione dello scorso anno, riguarda il corso di lingua e tradizioni calabro/greche che si replicherà, in collaborazione con il Circolo Culturale Apodiafazzi, per la difesa e la tutela delle minoranze linguistiche. Inoltre, dopo il successo de La Traviata, allestita all’interno dell’Auditorium Zanotti Bianco, per la Regia di Mario De Carlo e con la Direzione Artistica di Serenella Fraschini, un’altra grande opera verrà realizzata nel corso dell’anno. Poi il saluto per l’avvio dell’anno anche da parte del Vicepresidente Celeste Giovannini.

Graditissimo l’intervento del Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, invitato a partecipare alla serata inaugurale.

Ha parlato di tempo che passa e della qualità con la quale impiegarlo, il Primo Cittadino, che ha portato, agli oltre 300 soci, il saluto di Comune e di Città Metropolitana.

“L’Accademia del Tempo Libero è una vera e propria risorsa – sono state le parole di Falcomatà – che assolve un compito fondamentale: dare qualità al tempo che scorre. E attività come quelle dell’Accademia servono anche a rinnovare quel senso civico purtroppo ormai perduto da alcuni, le cui conseguenze sono facilmente visibili, partendo dal deturpamento della città sino ad arrivare ad atti più gravi ed ignobili come l’incendio dell’emeroteca comunale dei giorni scorsi, solo ultimo degli atti perpetrati a danno della città e soprattutto delle fasce deboli di cittadini”.

Il Sindaco si è detto disponibile ad organizzare incontri utili al dialogo per interpretare le esigenze dei cittadini attraverso il confronto con i soci, e per tenerli costantemente informati sul lavoro dell’Amministrazione.

Quindi il via allo spettacolo. Un vero e proprio viaggio nel tempo e per il mondo, attraverso musiche europee, nella prima parte del concerto,  dalla Germania del 1600, con Bach, alla musica leggera.

In mezzo tante tappe come Austria con Mozzart, Italia con Verdi, poi Ungheria con l’operetta di Lehar e Hoffman, inventore del genere considerato, a torto, minore.

Si parte per la Francia con Offenbach, tedesco ma che operò a Parigi, con il coinvolgente “Can Can” e il Bolero di Ravel. La prima parte del viaggio si conclude in Inghilterra con gli intramontabili Beattles: Yesterday e Hey Jude.

La seconda parte invece ha sullo sfondo stelle e strisce, e non solo, con un repertorio interamente americano che coinvolge oltre agli States, con pezzi come Summertime, West side story, Singing in the rain e New York New York, anche il Messico con Besame mucho, e l’immancabile tango argentino.

Il Quartetto: Primo Violino, Pasquale Faucitano; II Violino, Paola Russo; Viola, Cristina Battaglia e Violoncello, Ludovica Cordova, travolge e appassiona.

La serata si è conclusa con un buffet di dolci per la serata che i soci hanno trascorso convivialmente, ritrovandosi dopo la pausa estiva.

 

 

 

Annotazione
In Evidenza