Reggio Calabria
Get Adobe Flash player
Log In
Iscriviti alla Newsletter

* I campi sono obbligatori
Calendario
Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Meteo
16/06/2019, 21:12
Sereno
Sereno
26°C
Temperatura percepita: 24°C
Pressione: 1010 mb
Umidità: 57%
Vento: 29 km/h N
Raffiche di vento: 29 km/h
UV-Index: 0
Alba: 05:34
Tramonto: 20:22
Previsione 16/06/2019
Giorno
Prevalentemente Soleggiato
Prevalentemente Soleggiato
32°C
Vento: 25 km/h NNO
Raffiche di vento: 54 km/h
max. UV-Index: 11
Notte
Prevalentemente Sereno
Prevalentemente Sereno
21°C
Vento: 14 km/h N
Raffiche di vento: 29 km/h
max. UV-Index: 11
Previsione 17/06/2019
Giorno
Soleggiato
Soleggiato
30°C
Vento: 14 km/h NNO
Raffiche di vento: 22 km/h
max. UV-Index: 11
Notte
Parzialmente Nuvoloso
Parzialmente Nuvoloso
21°C
Vento: 11 km/h N
Raffiche di vento: 22 km/h
max. UV-Index: 11
 

Sutt’o’ Monumentu Ri’ Caduti

Nta Rriggiu di Calabbria assai gintili,

scindendu, ddhà, nta via marina jata,
m’appari ‘nu surdatu c’un fucili
e ‘nu guerreru cu’ ‘na lanza isàta.

Tri scaluni, ‘na bbasi e ‘na culonna
cu’ supra n’angilu pittatu giallu oru,
quattru bbraceri i bronzu senza fiamma,
sciuri e cimeli ntrizzati cu’ ll’alloru.

Cusì è la vista di ‘stu monumentu
chi rricorda li morti di li guerri.
Ma sutta ra so’ bbasi, in gran firmentu,
si muviva ‘na fuddha di bbizzarri.

Di fattu, nc’era un localeddh’angustu
chi faciva di bar ggilatiria;
di fronti ‘u marciaperi, sempri lustru,
cu’ tavulini e seggi supr’a ferruvia.

Siri di stati, cu’ mari e la friscura,
ssittati nta ddhi seggi ill’autru latu,
a ggenti si cacciava la calura
spittandu o’ cambareri cu’ ggilatu.

Quanta ggenti sostava nta ‘sta “bbuca”!
Cu’ iva e cu’ viniva e, puru addritta,
un conu si pigghiava, ddha, nti Luca
e, pa’ via, s’assittava mi su ddhicca.

Ddhu pezzu ‘i strata tutta lluminata,
i cambareri ch’a ggiacchitta janca,
‘i spasi chini r’ogni bbene ‘i Ddiu,
pariva ‘nu mercatu ‘i Casablanca.

O sciauru ‘i cassati e pezzi duri !
Ma nc’era cu’ non sordiava…
vardava l’angilu e, cu’ gran duluri,
priava mi nci stagghia la so’ bbava.

‘U nostru lidu cumunali “Zerbi”,
‘u bar ‘i Luca, sutta a li “caduti”,
pi’ Rriggiu mericini di li nerbi,
sunn’i rricordi nostri ormai passati.

Salvatore Marrari RC 20 gennaio 2015

Annotazione
In Evidenza